Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

venerdì 31 ottobre 2014

La Leggenda di Jack O'Lantern

BUON
HALLOWEEN!


Per qualche giorno non ho avuto il pc, ma ora sono di nuovo qui a tormentarvi tutti!
La festa di Halloween mi è sempre piaciuta, ho sempre pensato che andare in giro travestiti da mostri avesse un certo fascino.
E' già da qualche anno che non ho più occasione di "festeggiare", però per me il 31 ottobre continua ad essere una data un po' speciale.


Oggi fingerò di essere qui:



...e vi lascio un raccontino, una storia che più o meno tutti conoscete, ma che magari non vi dispiace rileggere :)


LA LEGGENDA DI JACK O'LANTERN



Tanti e tanti anni fa, in Irlanda, viveva un vecchio fabbro di nome Jack, ubriacone e taccagno. Era la notte di Halloween quando il vecchio, seduto al bancone di un pub davanti a un grosso boccale di birra, si imbatté nel Diavolo, venuto per reclamare la sua anima. Jack, che era furbo come una volpe, stava per cadere nelle mani di Satana, quando, con uno stratagemma, riuscì a imbrogliarlo facendogli credere che gli avrebbe dato la sua anima in cambio, però, di un'ultima bevuta. Il Diavolo, così, si trasformò in una monetina da sei pence per pagare l'oste e Jack fu abbastanza veloce da riuscire a intascarsela.

Poiché, poi, possedeva anche una croce d'argento, il Diavolo non riuscì più a tornare alla sua forma originaria. Jack, allora, stipulò un nuovo patto col Diavolo: lo avrebbe lasciato andare purché questi, per almeno 10 anni, non fosse tornato a reclamare la sua anima. Satana accettò. 

Dieci anni dopo, Jack e il Diavolo si incontrarono di nuovo e Jack, sempre con uno stratagemma, riuscì a sottrarsi al potere del Principe delle Tenebre e a fargli promettere che non lo avrebbe cercato mai più. Il Diavolo, che si trovava in una situazione difficile, non poté far altro che accettare. Quando Jack morì, a causa della sua vita dissoluta, non fu ammesso nel Regno dei Cieli e fu costretto a bussare alle Porte dell'Inferno; il Diavolo, però, che aveva promesso che non lo avrebbe cercato, lo rispedì indietro tirandogli addosso un tizzone infernale ardente. Jack se ne servì per ritrovare la strada giusta e, affinché non si spegnesse col vento, lo mise sotto la rapa che stava mangiando. 

Si dice che da allora Jack vaghi con il suo lumino in attesa del giorno del Giudizio (da qui il nome JACK O' LANTERN, Jack e la sua Lanterna) e sia il simbolo delle anime dannate ed errabonde. Quando gli Irlandesi, in seguito alla carestia del 1845, abbandonarono il loro Paese e si diressero in America, portarono con sé questa leggenda e, poiché le rape non erano in America così diffuse come in Irlanda, le sostituirono con le più comuni zucche. Da allora, la zucca intagliata con la faccia del vecchio fabbro e il lumino all'interno, è il simbolo più famoso di Halloween. 


Ho trovato varie versioni di questa leggenda e alla fine ho deciso di riportarvi quella trovata qui :)
Spero vi sia piaciuta, e ora non mi resta che augurarvi Buon Halloween! Divertitevi e spaventate tutti! :P



2 commenti:

  1. Bellissima la leggenda di Jack O' Lantern *-* la conoscevo già da prima!

    RispondiElimina
  2. La storia la conoscevo solo in parte da prima, ma è davvero molto bella ^^

    RispondiElimina