Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

giovedì 3 luglio 2014

In libreria: "Orologi senza tempo" di autori vari


.IN LIBRERIA.
Da giugno 2014

.OROLOGI SENZA TEMPO.

Copertina di Paolo Barbieri

Si tratta di una raccolta di sette racconti scritti da sette bravissimi autori italiani. I proventi contribuiranno alla ricostruzione della Città della Scienza di Napoli, che fu distrutta da un incendio l'anno scorso.


Sinossi:
Rovine popolate da mostri, risvegliati da un sonno millenario. 
Macchine di tortura medievali e spietati killer tecnologici. 
Cavalieri senza macchia, macabri rituali e creature assetate di sangue, c’è un mondo sconosciuto che si nasconde tra le pieghe del reale. 
È qui, adesso. 
A volte si inabissa per un po’, ma rimane a un passo da noi. Possono passare giorni, mesi, anni, tanto da arrivare a pensare che non sia mai esistito. Ma prima o poi tornerà alla luce. 
I personaggi che popolano questa antologia non nascono né muoiono. 
Semplicemente esistono, vibrano nello spazio come il battito di un originario Big Bang. 
E le loro storie si incastrano come gli ingranaggi di un orologio senza tempo. 

Due righe sugli autori:
Barbara Baraldi: conosciuta per i suoi romanzi urban fantasy Scarlett e Striges.
Francesco Falconi: conosciuto soprattutto per la serie Muses e per l'ultimo uscito Gray.
Leonardo Patrignani: famoso per la serie Multiversum.
Cecilia Randall: conosciuta maggiormente per le serie Hyperversum e Gens Arcana.
Emma Romero: ha scritto l'apprezzato Garden - Il giardino alla fine del mondo.
Licia Troisi: l'autrice fantasy italiana più conosciuta nel mondo, soprattutto per le trilogie riguardanti il Mondo Emerso.
Emilio Zàgara: ha in lavorazione il suo primo romanzo, fino ad ora ha lavorato presso alcune riviste sotto pseudonimo.


Nessun commento:

Posta un commento