Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

venerdì 20 aprile 2018

Settimana del Libro 2018 - Approfondimento su Arto Paasilinna


Buongiorno, lettori!
In occasione della Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d'Autore, che si celebra il 23 aprile, un gruppo di blogger, capitanati da Valentina e Denise di Chiacchiere Letterarie, ha deciso di festeggiare per tutta la settimana, parlando degli autori nati in questi giorni.
Anche io mi sono unita alla banda e ho deciso di parlavi di Arto Paasilinna, nato esattamente oggi nel 1942, a Kittilä, in Finlandia.
Proprio nella sua Finlandia è un autore di culto, attualmente conosciuto come romanziere, ma che in passato è stato anche giornalista, poeta e guardiaboschi. Con il suo humour e la sua passione per la natura ha conquistato molti altri Paesi, Italia inclusa, ed è tradotto in circa 45 lingue. Proprio in Italia il suo primo romanzo tradotto nella nostra lingua, L'anno della lepre, ha vinto il premio letterario Giuseppe Acerbi, nel 1994.


Tra fiction e non-fiction ha scritto più di 40 opere, in Italia ne sono tate tradotte 17 e sono pubblicate tutte da Iperborea:

-L'anno della lepre (ed. orig. Jäniksen vuosi, 1975, trad. it. 1994)
-Il bosco delle volpi (ed. orig. Hirtettyjen kettujen metsä, 1983, trad. it. 1996)
-Il mugnaio urlante (ed. orig. Ulvova mylläri, 1981, trad. it. 1997)


-Il figlio del dio del tuono (ed. orig. Ukkosenjumalan poika, 1984, trad. it. 1998 )
-Lo smemorato di Tapiola (ed. orig. Elämä lyhyt, Rytkönen pitkä, 1991, trad. it. 2001)
-I veleni della dolce Linnea (ed. orig. Suloinen myrkynkeittäjä, 1988, trad. it. 2003)
-Piccoli suicidi tra amici (ed. orig. Hurmaava joukkoitsemurha, 1990, trad. it. 2006)
-Il migliore amico dell'orso (ed. orig. Rovasti Huuskosen petomainen miespalvelija, 1995, trad. it. 2008 )
-Prigionieri del paradiso (ed. orig. Paratiisisaaren vangit, 1974, trad. it. 2009)
-L'allegra apocalisse (ed. orig. Maailman paras kylä, 1992, trad. it. 2010)


-Le dieci donne del cavaliere (ed. orig. Kymmenen riivinrautaa, 2001, trad. it. 2011)
-Sangue caldo, nervi d'acciaio (ed. orig. Kylmät hermot, kuuma veri, 2006, trad it 2012)
-La fattoria dei malfattori (ed. orig. Hirttämättömien lurjusten yrttitarha, 1998, trad it 2013)
-Professione angelo custode (ed. orig. Tohelo suojelusenkeli, 2004, trad it 2014)
-Il liberatore dei popoli oppressi (ed. orig. Vapahtaja Surunen, 1986 trad it 2015)
-La prima moglie e altre cianfrusaglie (ed. orig. Volomari Volotisen ensimmäinen vaimo muuta vanhaa tavaraa, 1994, trad. it. 2016)
-Emilia l'elefante (ed. orig. Suomalainen kärsäkirja, 2005, trad. it. 2018 )

Se volete più informazioni sui singoli libri, potete trovarle a questo link.




Da L'anno della lepre sono stati tratti due film. Il primo, del 1977 con produzione finlandese, vede Risto Jarva alla regia, e il secondo, una produzione francese del 2006, è diretto da Marc Rivière. Per quanto riguarda il primo, Paasilinna ha contribuito nello scrivere la sceneggiatura. Ed in seguito si è occupato anche della sceneggiatura di altre opere finlandesi, incluse alcune serie televisive.

La trasposizione delle sue opere non finisce qui, ma anzi prosegue con numerosi film finlandesi. Nel 1979 viene realizzato un film da Onnellinen mies dall'omonimo titolo, nel 1982 prende vita al cinema Ulvova mylläri (Il mugnaio urlante). Nel 1986 è la volta di Hirtettyjen kettujen metsä (Il bosco delle volpi). Poi finalmente, nel 1995, abbiamo una mini-serie di 4 episodi, tratta da Suloinen myrkynkeittäjä (I veleni della dolce Linnea). L'anno successivo, invece, approda nelle sale Elämä lyhyt, Rytkönen pitkä (Lo smemorato di Tapiola). Nel 2000, esattamente dieci anni dopo la pubblicazione del libro, viene prodotto Hurmaava joukkoitsemurha (Piccoli suicidi tra amici), e due anni dopo tocca a Kymmenen riivinrautaa (Le dieci donne del Cavaliere). Il più recente, invece, è una produzione francese del 2017 il cui titolo è Cornélius, le meunier hurlant, e si tratta di un'altra versione di Ulvova mylläri (Il mugnaio urlante).



Anche se ho intenzione di recuperare tutti i romanzi di Arto Paasilinna il prima possibile, personalmente ne ho letti soltanto due. Si tratta di Il liberatore dei popoli oppressi e di Emilia l'elefante, pubblicato In Italia proprio poche settimane fa.

Li ho entrambi già recensiti sul blog, quindi non mi dilungo in questo post, ma ovviamente mi sono piaciuti molto. Trovate le recensioni cliccando sui titoli sotto la foto.

Recensioni:

Spero che questo approfondimento vi sia piaciuto e vi abbia incuriosito. Se non conoscete Paasilinna vi consiglio vivamente di dargli una possibilità.
Non dimenticate di seguire anche le altre tappe di questa Settimana del Libro 2018. Potete farlo grazie a questo evento su Facebook :)


*20 Aprile: Bram Stoker - Chiacchiere Letterarie
*20 Aprile: Arto Paasilinna - Le parole segrete
*21 Aprile: Daniel Defoe - Luzbooks Rubio
*21 Aprile: Mark Twain - Mario Egiziano
*21 Aprile: Charlotte Bronte - La cercatrice di storie segrete
*23 Aprile: Nozioni e curiosità sulla Giornata Mondiale del Libro - Diario di una Lettrice Sognatrice
*23 Aprile: Vladimir Nabokov - Me my self and Irene
*23 Aprile: William Shakespeare - Living Among the Books Page
*23 Aprile: Miguel de Cervantes - Chiacchiere Letterarie
*24 Aprile: Lucy Maud Montgomery - Gabinka Ricciocornia
*25 Aprile: Torquato Tasso - Harem's book
*25 Aprile: Emilio Salgari - Profumo Di Panna
*28 Aprile: Harper Lee - A Book for a dream
*28 Aprile: Terry Pratchett - Il Giornale del Libro

2 commenti:

  1. Molto interessante, mi hai fatto conoscere un autore di cui finora avevo sentito poco e niente! :)

    RispondiElimina