Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

mercoledì 27 settembre 2017

Recensione: "Kodomo no omocha - Il giocattolo dei bambini" di Miho Obana [il manga di "Rossana"]



.Kodomo no omocha.
.Il giocattolo dei bambini.
di Miho Obana


Titolo: Kodomo no omocha - Il giocattolo dei bambini [il manga di "Rossana"]
Autore: Miho Obana
Editore: Dynit
Prezzo di copertina (flessibile): 3,90 € l'uno
Voto: perfetto




Sana Kurata è una bambina che vive a Tokyo, frequenta la sesta elementare e svolge al contempo un lavoro di attrice in alcuni noti programmi televisivi. Nella classe di Sana, tuttavia, la vita scolastica è resa molto difficile sia alle studentesse che ai professori, a causa del gruppo di maschi che non rispettano le regole e deridono continuamente i professori, rendendo impossibile svolgere le normali lezioni. A capo della combriccola vi è Akito Hayama, un ragazzino freddo ed enigmatico, che non prende direttamente parte agli atti molesti dei suoi compagni, ma li dirige in quanto è il più rispettato dai maschi per il suo temperamento. La colossale divergenza di caratteri tra lei e Akito rende Sana intenzionata a porre fine al suo regno di terrore; scopre così che Akito tiene in pugno i professori grazie a un ricatto, e la ragazza riesce a capovolgere la situazione ricattando a sua volta Akito. Da quel momento in poi Sana e Akito diventano quasi amici, mentre il loro rapporto si trasforma pian piano in un qualcosa di più profondo...



Da ragazzina amavo (e per la verità la amo anche adesso) la serie animata giapponese Rossana, di cui tutti avete sicuramente sentito parlare. Così qualche anno fa ho deciso di leggere anche il manga da cui è stata tratta la serie e ne sono rimasta entusiasta.



Non ho letto moltissimi manga, quindi non posso considerarmi esperta, però a me è piaciuto tantissimo. L'atmosfera è esattamente quella della serie animata, spensierata ma con momenti seri e profondi. Ovviamente ci sono delle differenze tra i due prodotti, però in generale la serie è rimasta molto fedele al manga.


Le parti comiche sono le più belle, i personaggi sono adorabili. L'unica pecca, se così vogliamo definirla, è il fatto che alcuni nomi non sono gli stessi. Ad esempio, il nome originale di Eric è Akito, e nella traduzione italiana del manga non è stato cambiato come nel cartone animato. Da un lato ho preferito questo rispetto dei nomi originali, dall'altro mi ha leggermente infastidita poiché ero abituata agli altri. In ogni caso, non è bastato di certo così poco per rovinarmi la lettura.

Il manga è composto da dieci volumi più un volume extra, che racconta la storia di come è stato girato il film con Sana e Charles in cui va a fuoco una grande villa. Questa vicenda è presente anche nella serie animata.
Se poi siete curiosi di scoprire cosa è successo a Sana e Akito/Eric dopo le vicende del loro manga e della serie, potete leggerlo nel manga Deep Clear, dove li ritroviamo da adulti insieme ai personaggi di un altro manga della stessa autrice.




Assolutamente consigliato!



Bonus:


Durante la fiera del fumetto Romics, nel 2014, ho scelto di fare un cosplay della protagonista!


2 commenti:

  1. Ciao!
    "Rossana" è stato uno dei miei anime preferiti, il manga però non l'ho mai letto. Magari ci faccio un pensierino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai amato l'anime amerai sicuramente anche il manga *_*

      Elimina