Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

lunedì 25 gennaio 2016

Collaborazione #10 con Garzanti


Oggi vi presento un'altra collaborazione con


da cui ho appena ricevuto un libro che ha una trama decisamente interessante. Non leggo molti romanzi del genere, quindi sono doppiamente curiosa, e spero di riuscire a darvi il mio parere il prima possibile :)




Ecco tutte le informazioni:





"La sarta di Dachau" di Mary Chamberlain
Londra, 1939. Ada Vaughan non ha ancora compiuto diciotto anni quando capisce che basta un sogno per disegnare il proprio destino. E il suo è quello di diventare una sarta famosa, aprire una casa di moda, realizzare abiti per le donne più eleganti della sua città. Ha da poco cominciato a lavorare presso una sartoria in Dover Street, e la vita sembra sorriderle. Un viaggio imprevisto a Parigi le fa toccare con mano i confini del suo sogno: stoffe preziose, tagli raffinati, ricami dorati. Ma la guerra allunga la sua ombra senza pietà. Ada è intrappolata in Francia, senza la possibilità di ritornare a casa. Senza soldi, senza un rifugio, Ada non ha colpe, se non quella di trovarsi nel posto sbagliato. Ma i soldati nazisti non si fermano davanti a niente. Viene deportata nel campo di concentramento di Dachau. Lì, dove il freddo si insinua senza scampo fino in fondo alle ossa, circondata da occhi vuoti per la fame e la disperazione, Ada si aggrappa all'unica cosa che le rimane, il suo sogno. L'unica cosa che la tiene in vita. La sua abilità con ago e filo le permette di lavorare per la moglie del comandante del campo. Gli abiti prodotti da Ada nei lunghi anni di prigionia sono sempre più ricercati, nonostante le ristrettezze belliche. La sua fama travalica le mura di Dachau e arriva fino alle più alte gerarchie naziste. Le viene commissionato un abito che dovrà essere il più bello della sua carriera. Un vestito da sera nero, con una rosa rossa. Ma Ada non sa che quello che le sue mani stanno creando non è un abito qualsiasi. Sarà l'abito da sposa di Eva Braun, l'amante del Führer... La sarta di Dachau è un caso editoriale mondiale. Venduto in 26 paesi, ha conquistato il cuore dei librai e dei lettori inglesi. Una storia di orrore e di speranza, di vite spezzate e della capacità di sopravvivere grazie ai propri sogni. La storia di una donna che non si arrende e che continua a lottare anche quando tutto sembra perso. 

Prezzo: 16,90€ - 320 pagine - copertina rigida
altre info

Fatemi sapere se vorreste leggerlo, e perchè :D




12 commenti:

  1. Ha una storia abbastanza interessante e spero di poterlo leggere prima o poi⌒.⌒

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ha colpito molto anche me :)

      Elimina
  2. Anche io lo leggerò presto! Ciao Maria

    RispondiElimina
  3. Complimenti per la collaborazione!
    A me non ispira questo libro, ma attendo la tua recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di riuscire a pubblicarla presto :) grazie ^_^

      Elimina
  4. Sembra una bella storia da leggere. Definito il fenomeno dell'anno 2015 ma la paura che sia un altro caso editoriale senza capo né coda è forte. Sicuramente attenderò la tua recensione per saperne di più. Poi deciderò se leggerlo^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì anche io ho avuto un po' questo sospetto, ma leggendo un po' la storia editoriale del libro e dell'autrice alla fine mi sono convinta. Vedremo! :)

      Elimina
  5. uhm..non è esattamente il mio genere XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io "il tuo genere" devo ancora capire qual è u.u

      Elimina
  6. io amo i libri ambientati nella seconda guerra mondiale, e questo mi manca. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio che sia bello come sembra ^_^

      Elimina