Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

venerdì 26 giugno 2015

Recensione: "Shut Out" di Kody Keplinger


.Shut Out.
di Kody Keplinger


Titolo: Shut Out
Autore: K. Keplinger
Editore: Hodder Children's Books
Prezzo di copertina (ebook in lingua originale): 4.99 €
Voto:                             bello

La maggior parte delle squadre sportive del liceo hanno rivalità aperte con squadre di altre scuole. Alla Hamilton High è in atto una guerra civile: la squadra di football contro la squadra di calcio. Lissa è stanca di tutto questo. Il suo fidanzato quarterback, Randy, la scarica in continuazione per andare a litigare con la squadra di calcio o per fare scherzi nei loro spogliatoi. E la macchina di Randy è stata bersagliata di uova tre volte mentre lui e Lissa erano  dentro a baciarsi. Lei ha finito di competere con un gruppo di ragazzi sudati per l'attenzione del proprio fidanzato. Lissa decide di terminare la rivalità una volta per tutte: lei e le altre fidanzate dei giocatori inizieranno uno sciopero del sesso. I ragazzi non potranno avere nulla da loro finchè le squadre di football e calcio non faranno pace. Quello che non immaginavano era la nascita di una nuova rivalità: uno scontro impossibile ragazzi contro ragazze per vedere chi cederà per primo alla propria libido .  Ma Lissa non si sarebbe mai aspettata la propria attrazione per il leader dei ragazzi, Cash Sterling.   [Traduzione della sinossi originale fatta da me]


Come vi avevo accennato nella mia recensione di The Duff (qui) appena terminato questo primo libro della Keplinger ho subito deciso di iniziarne un altro: Shut Out. Questo romanzo è ambientato nella stessa cittadina del primo ma non vediamo nessuno dei personaggi precedenti, fatta eccezione per una menzione di Harrison Carlyle, il gay più desiderato da tutte le ragazze della scuola superiore di Hamilton xD Non appena ho letto la trama l’ex studentessa classica che è in me ha iniziato a fare un balletto di gioia gridando “Lisistrata”, figuratevi poi cosa ha combinato quando la commedia di Aristofane è stata effettivamente menzionata più volte nel corso del racconto *__* Durate la narrazione assistiamo al passaggio dalla faida tra giocatori di football e di calcio a quella presente dall’alba dei tempo tra generi, ragazze contro ragazzi, senza esclusioni di colpi. Sebbene il lato dei ragazzi sia un po’ in ombra, limitandosi per buona parte del libro a subire le conseguenze del patto di astensione dal sesso stretto tra le ragazze, sono loro le scene che mi hanno colpito di più. Sono morta dalle risate alla scena della piscina, quando i ragazzi  decidono finalmente di coalizzarsi e passare al contrattacco e devo ammettere che anche io avevo gli occhi a cuoricino quando il giocatore di football Finn ha fatto una stonatissima serenata alla fidanzata Mary <3 La Keplinger anche in questo romanzo non si fa problemi ad affrontare una tematica come il sesso con leggerezza e profondità allo stesso tempo mettendo in luce, attraverso le esperienze delle
varie ragazze, i diversi aspetti, dubbi e incertezze che caratterizzano l’età dell’ adolescenza e non solo. Viene inoltre ampiamente evidenziato come vi siano ancora oggi due diversi pesi per valutare comportamenti simili messi in atto da uomini e donne. La protagonista, Lissa, seppur totalmente opposta a Bianca (protagonista di The Duff), è riuscita a coinvolgermi, ho adorato la sua forma di OCD e come questo influenzasse anche il suo comportarsi con gli altri. Per quanto riguarda il protagonista maschile, Cash, beh, che dire, è proprio un tesoro *__*  Diversamente dai vari bad boy che caratterizzano questo genere di romanzi Cash è la personificazione della dolcezza, anche se non si lascia scappare l’occasione di flirtare con Lissa, mandando decisamente a monte i suoi piani di astinenza. Anche questa volta l’autrice ha confezionato un romanzo che scorre rapido e leggero, con uno stile chiaro e perfettamente comprensibile anche in inglese. Lo consiglio sicuramente a tutte le persone a cui è piaciuto The Duff  ( in Italia tradotto come "Quanto ti ho odiato") e in generale a tutte le persone che stanno cercando una lettura leggera ma non necessariamente priva di spunti di riflessione. 



2 commenti:

  1. Non sapevo ci fosse un seguito di The Duff (anche se non è proprio un seguito xD)! Comunque mi ispira tantissimo *___* lo voglio adesso!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come hai detto tu non è proprio un seguito (Bianca e co. non vengono neanche citati purtroppo ç_ç) però è molto carino lo stesso :)

      Elimina