Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

giovedì 22 maggio 2014

Recensione: "Il diario di Bridget Jones" di H. Fielding



.Il diario di Bridget Jones.
di Helen Fielding

sconsigliato


Titolo: Il diario di Bridget Jones
Titolo originale: Bridget Jones's Diary
Autore: Helen Fielding
Editore: Rizzoli
Pagine: 313
Traduzione: O. Crosio
Prezzo di copertina (flessibile): 12,00 €
Link all'acquisto



Mangia troppo, beve troppo, fuma troppo, ha una mamma troppo invadente, un uomo troppo sposato e troppo pochi "pretendenti". È il ritratto di una single di oggi, moderna trentenne in carriera, quale risulta dal diario di un anno della sua vita, dove vengono raccontati, con humor e ironia, i problemi, le speranze, le delusioni di una donna qualunque.





Premessa: non ho visto il film.

Due stelle su cinque, concesse soltanto perchè il romanzo ha i suoi momenti buoni, quelle -poche- battute che mi hanno fatta ridere sul serio.
L'idea di base della trama è molto bella, cioè quella di raccontare le (dis)avventure di una trentenne single in carriera nella vita di tutti i giorni. Il problema principale è, secondo me, lo stile. Se l'autrice non avesse scelto di raccontare la storia sotto forma di diario, sarebbe stata sicuramente più coinvolgente e bella da leggere.
È un romanzo piccolo eppure ho impiegato tantissimi giorni a finirlo perché non mi "invitava" a ricominciare la lettura.

I personaggi non sono tanti, eppure l'unico che ha una buona caratterizzazione è la protagonista. Persino Mark Darcy o la madre di Bridget, che sono molto presenti nella storia, non sono stati caratterizzati bene. Anzi, non sono stati caratterizzati per niente!

Lo svolgimento delle vicende l'ho trovato piuttosto banale e confusionario, a volte persino sbrigativo.
Gli elenchi di calorie, peso, alcolici, sigarette, etc etc all'inizio di ogni paragrafo mi hanno presto stufata, e se devo dire la verità, ho smesso di leggerli dopo poche pagine.

Unica nota positiva, le liste iniziali delle cose da fare e da evitare.
Che altro dire? Non mi è piaciuto!

[AGGIORNAMENTO] Potete trovare la mia recensione del seguito di questo romanzo qui.




Nessun commento:

Posta un commento