Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

giovedì 22 maggio 2014

I libri non sono fragili!

I LIBRI NON SONO FRAGILI!
NON DEVONO ESSERE MALTRATTATI, MA NEPPURE
DEVONO ESSERE TRATTATI COME SE FOSSERO DI CRISTALLO.
Questo articolo nasce in seguito ad "accuse" che ho letto, rivolte da lettori ad altri lettori. Cose allucinanti! 

Con tutta sincerità, non capisco quelle persone che, di fronte ad una pagina con l'angolo piegato, inorridiscono. 
Non capisco quelle persone che, se un libro ha una macchiolina di cioccolato, svengono.
I libri -i libri veri, non i kindle e simili- non sono fatti di cristallo. Non sono fragili. Sono di carta, resistenti, e vanno vissuti. Soprattutto questo.

I libri vanno vissuti.


Quando vedo un libro tenuto sotto una cupola di vetro, mi intristisco.

Quando ne vedo uno spiegazzato, mi rallegro.

Un libro non si offende se piegate un angolino della sua pagina, se macchiate la copertina con la cioccolata, se mentre lo posate in libreria vi cade per terra, se per sbaglio ne strappate una pagina e la riattaccate con il nastro adesivo.

Un libro si offende se non lo leggete!

Poi, certo, ognuno fa come vuole. Se preferite non sporcarli, non spiegazzarli e conservarli come se fossero appena usciti dalla libreria, non c'è alcun problema. Ognuno fa quello che vuole.

Ma mi infastidisce molto quando chi preferisce trattarli coi guanti bianchi inorridisce e a volte insulta persino chi invece i libri li vive, portandoli con sè ovunque ed esponendoli inevitabilmente a "pericoli" che possono rovinarli.

Non sto assolutamente dicendo che adesso dovremmo tutti trattare i libri come carta straccia.

Anzi! I libri vanno rispettati. Le pagine non vanno strappate di proposito, o macchiate di proposito. 
Ma se mentre leggo, se mentre vivo la mia lettura, succede, non per questo non sono una brava lettrice. Se non ho un segnalibro sottomano e piego l'angolo della pagina, sono una brava lettrice tanto quanto chi prende in mano i romanzi come se fossero fatti di vetro.

Ecco un appello, da brava lettrice-piega-pagine, rivolto ai bravi lettori-di-vetro: datevi una calmata.



8 commenti:

  1. Pienamente d'accordo su tutto! :) pensa che io sulla prima pagina metto anche un timbro "Libro di Elena " con la data di quando l'ho comprato o quando me l'hanno regalato! Ma a parte questo un libro "vissuto" secondo me ha anche più valore! Ovviamente come dici tu non va maltrattato ma usato per essere letto con tutto ciò che questo comporta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio che dolce l'idea del timbro <3 io mi limito ad una banale firma xD

      Elimina
  2. Io i libri li tratto un po' con i guanti bianchi perché mi rattristisco quando si rovinano. Però ammetto che ho piegato gli angoli quando non avevo segnalibri! Leggere é una cosa personale, ognuno fa come vuole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, questo è proprio quello che intendo. Che ognuno dovrebbe fare come vuole e non per questo essere ritenuto un cattivo lettore :)

      Elimina
  3. Ciao, dunque, qui siamo al solito punto... la giusta via sta nel mezzo... io personalmente tratto i libri con rispetto e con ciò non intendo dire che uso i guanti bianchi o che inorridisco se capita una macchietta o una pieghetta. Però non li butto di qua e di là e mi dispiace ma le orecchie non le sopporto... ma è vero anche che non giudico chi le fa. *_*
    Comunque ho da fare una distinzione: se il libro e mio non lo tratto come se fosse vetro, ma se il libro è prestato... allora divento una vera e propria maniaca...
    Insegno anche hai miei figli a rispettarli, ma non per questo non sono liberi di portarli ovunque (rischi di sporcarli compresi) per avere il loro amico sempre con loro.
    Mio modestissimo parere ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, io parlo dei libri PROPRI :) quelli degli altri vanno sempre trattati con il massimo rispetto e anche se i miei libri personali sembrano reduci da più guerre :P i libri degli altri li tratto davvero come fossero di cristallo ;)

      Elimina
  4. W la libertà d'espressione! ^_^ Io amo i libri vissuti, che dimostrano che sono stati letti e letti e letti e riletti :D non mi lamento se le edizioni di una stessa serie o saga sono tutte diverse. Però faccio attenzione a non rovinare o rompere le sovracoperte e mi danno fastidio i bollini con i prezzi sopra e le ditate sulle cover lucide, è più forte di me ahahahah XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me a volte piacciono i libri di una stessa saga tutti diversi xD di solito le sovracopertine le tolgo proprio ahahah xD

      Elimina